Archivio Tag: Area Stampa

/ Categorie: Gruppo

Aste immobiliari: sono 245.100 nel 2018, +4,6% rispetto al 2017

Ogni 75 famiglie, una ha la casa all'asta

  • Al primo posto per numero di esecuzioni si conferma la Lombardia con il 19,46%, a seguire la Sicilia (9,77%), Veneto (7,96%), Piemonte (7,98 %) e Lazio (6,88%).
  • Alessandria record negativo per quel che concerne il rapporto nuclei famigliari/immobili in asta: va all’asta una casa ogni 23 nuclei famigliari.
  • L’ultimo dato disponibile sul numero delle aggiudicazioni (2017) è di 76.219 che, sul numero di aste pubblicate nel 2017 (267.323 - fonte Report Aste 2017), equivale al 29 % del numero delle aste pubblicate.

Sono state oltre 245.100 le aste immobiliare nel 2018. Questo quanto emerge dal “Report Aste” a cura di ASTASY Srl, società che partecipa all’azionariato NPLs RE Solutions del Gruppo Gabetti.  

I dati, raccolti dal Comitato scientifico ASTASY, sono stati reperiti dai siti ufficiali autorizzati dal ministero di Giustizia, dai siti ufficiali dei tribunali, dai siti degli istituti di vendita giudiziaria e da quelli delle Associazioni Notarili.

Le oltre 245.100 esecuzioni immobiliari nel territorio nazionale hanno raggiunto nel 2018 un valore base d’asta di 36.379.962.273 euro. Rispetto al 2017 si nota un aumento di esecuzioni pari al 4,6%, passando infatti da 234.340 del 2017 alle 245.100 del 2018. Le procedure estinte durante l’anno sono state 36.868.

“Quest’anno è stato formulato un nuovo parametro che consideriamo significativo, – specifica Mirko Frigerio, amministratore delegato Astasy - abbiamo infatti inserito il dato “Numero Famiglie/ Immobili in asta”. Il panorama che emerge è davvero preoccupante: in Italia, ogni 75 famiglie, ve ne è una con la casa all’asta. É la storia quindi di oltre 245.100 famiglie italiane che ancora oggi sono coinvolte, speso loro malgrado, nella situazione sconfortante di avere la casa all'asta. Un totale di oltre 1.470.000 persone coinvolte e che, a causa della tipologia di mutuo contratto e successivamente non onorato, sono e restano obbligati in solido anche se inseriti solo come garanti - come i nonni - che in tempi non sospetti vennero chiamati a mettere "la firma a garanzia del mutuo". Questi numeri si stanno placando, ma consideriamo che si uscirà da questa drammatica situazione non prima del prossimo decennio”.

Il report aste 2018 di ASTASY Srl mostra un ulteriore dato interessante, ovvero quello dedicato alla provenienza degli immobili messi all’asta nel nostro Paese. Il 76% è rappresentato dalle Esecuzioni Immobiliari, tutte quelle procedure cui alla base è stato trascritto un pignoramento immobiliare, che porta alla vendita coattiva dell’immobile, sia di proprietà della persona fisica che giuridica. Il 22% è rappresentato dalle Procedure Concorsuali, nello specifico tutte quelle vendite che fanno capo a fallimenti, concordati preventivi, ristrutturazioni del debito, liquidazioni coatte amministrative. Il restante 2% interessa invece tutte quelle procedure di divisione giudiziale tra coniugi e/o cause civili che, pur passando dalla vendita all’asta del bene, non configurano pignoramento o fallimento.

Anche se possiamo notare come nell’anno scorso ci sia stato un sensibile incremento sulle aggiudicazioni (con un raddoppiamento effettivo sul numero di aste aggiudicate), la distanza tra i valori sugli immobili compravenduti sul libero mercato e quelli aggiudicati in asta è ancora eccessiva - osserva G. Gabriele Mazzetta, amministratore delegato Npls RE Solutions -  e continua ad avere un impatto significativo sui bilanci degli istituti di credito. Stiamo lavorando già dal nostro primo anno di vita nel tentativo di ridurre il noto “Gap” tra Market Value e Judicial Market Value degli immobili. Fortunatamente alcune riforme come quella introdotta da Banca d’Italia, lo scorso mese di maggio e la riforma sull’istituto dell’assegnazione stanno appianando la strada agli intermediari finanziari rendendoli parte attiva nel mercato delle esecuzioni, sofferenze e incagli.

Se però le stime di alcuni operatori del settore continueranno ad essere così scoraggianti nell’ottica di un completo rientro delle sofferenze ipotecarie e chirografarie, avremmo a breve un mercato delle esecuzioni parallelo al libero mercato che richiede sempre di più figure professionali preparate”.

Leggi il comunicato stampa>>

Name:
Email:
Subject:
Message:
x